Schema della Forma 20

Schema della Forma 20

Lo schema della Forma 20 evidenzia il differente tipo di lavoro rispetto alla sequenza Sizheng.

La sequenza Sizheng (la figura a sinistra) è stata sviluppata recentemente dal Maestro Chen Peishan (i principi che sono alle base di questa sequenza, sono descritti in questo articolo del Maestro, ospitato sul sito del ISCT), mentre la Forma 20 (la figura a destra) è stata sviluppata dalla Maestra Chen Peiju, armonizzando tra di loro, venti tecniche estrapolate dalla sequenza Yilu.

Lo schema della sequenza Sizheng è abbastanza ortogonale: il praticante si muove linearmente, seguendo un particolare verso, con cambi di direzione di 90 gradi.

Nella Forma 20, invece, il praticante deve gestire anche posizioni intermedie, inclinate/oblique rispetto al senso di marcia, oltre che ad un’inversione di direzione che caratterizza il passaggio tra la prima e la seconda linea. Questo, spesso, confonde gli allievi, soprattutto quelli che seguono il corso online dove lo schermo appiattisce il movimento, annullando la profondità dello stesso.

Come usare lo schema della Forma 20

Lo scopo dello schema riportato in figura è quello di aiutare il praticante ad individuare la direzione della tecnica successiva rispetto a quella che sta eseguendo. Per questo motivo, il disegno va orientato in modo da rivolgere, la punta della casella della tecnica, davanti a noi.

Quindi, lo schema non indica la nostra posizione durante l’esecuzione della tecnica rispetto alla precedente (se così fosse, la Frusta singola sembra eseguita in avanti rispetto alla Gru bianca dispiega le ali) ma indica la successione delle tecniche e l’orientamento del nostro corpo.

Poiché lo schema è orientato, possiamo derivare l’orientamento del nostro corpo rispetto alla tecnica precedente e anche rispetto all’apertura che è effettuata verso l’ipotetico Nord.

Ad esempio, supponiamo di essere alla tecnica Frusta singola della prima linea. Mantenendo la casella orientata davanti a noi, emerge che la tecnica successiva, Dividere la criniera del cavallo selvaggio, va eseguita girandosi verso sinistra di 90 gradi. Eseguiamo la tecnica, giriamo il foglio nella nuova direzione in modo da avere le informazioni sulla tecnica successiva.

Se, invece, siamo alla tecnica Il gallo d’oro sta su una sola zampa (sx), vediamo che la tecnica seguente, Parata circolare sul ginocchio, è eseguita ruotando alla nostra destra di 45 gradi.

Per semplificare l’utilizzo dello schema della Forma 20, le due linee sono riportate in due schemi distinti (nella realtà sono abbastanza sovrapposte).

Il PDF contenente lo schema della Forma 20 può essere scaricato cliccando sull’icona seguente.


Hai bisogno di ulteriori dettagli sull’uso dello schema o hai curiosità sullo stile di taijiquan che insegno? Scrivilo nei commenti.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *